Reading Time: 2 minutes

Capolavori senza tempo, da non perdere per gli amanti del cinema

Storico, glamour, prestigioso. Vademecum per eccellenza per gli appassionati del cinema. È il Festival di Cannes. In occasione della sua 74°edizione (in programma dal 6 al 17 luglio), ecco una carrellata di tutti i film italiani che nel corso degli anni si sono aggiudicati il Grand Prix of the International Film Festival e, da quando è stata istituita, cioè dal 1955, la famosa Palma d’oro.

Sono stati tre i registi italiani a conquistare il Grand Prix of the International Film Festival nelle prime edizioni del Festival: Roberto Rossellini, con uno dei suoi capolavori, Roma città aperta, nel 1946, Vittorio De Sica con Miracolo a Milano, nel 1951 e, l’anno successivo, Renato Castellani con Due soldi di speranza. Il premio venne poi nuovamente istituito dal ’64 al ’74, decennio in cui venne vinto da Signore & signori di Pietro Germi (1966), Blow-up di Michelangelo Antonioni, che per lo stesso film fu candidato anche al Premio Oscar come miglior regista (1967) e, in un anno speciale in cui furono ben due le pellicole premiate, La classe operaia va in paradiso di Elio Petri e Il caso Mattei di Francesco Rosi, entrambi interpretati dall’iconico Gian Maria Volontè e entrambi proclamati vincitori all’unanimità (1972).

Il primo film a vincere la Palma d’oro fu invece La dolce vita, del grande Federico Fellini, nel 1960, anno in cui si portò a casa anche il Nastro d’argento e il David di Donatello. Dopo di lui, nel 1963, Luchino Visconti con Il Gattopardo, film leggendario con Burt Lancaster, Alain Delon e Claudia Cardinale.

Negli anni ‘70 vinsero per due anni consecutivi, 1977 e 1978, due pellicole italiane: il drammatico Padre Padrone di Paolo e Vittorio Taviani e L’albero degli zoccoli di Ermanno Olmi, girato quasi interamente da attori non professionisti e in dialetto bergamasco. Si chiude il cerchio con un film del regista e attore che anche quest’anno rappresenta l’Italia al celebre festival, ovvero Nanni Moretti, già vincitore della Palma d’oro nel 2001 con La stanza del figlio, in concorso per questa edizione con il suo Tre piani. Incrociamo le dita!

Festival di Cannes 74
Dal 6 al 17 luglio

www.festival-cannes.com