Reading Time: 2 minutes

Dove lo sport incontra la tradizione

Tra le attività più in voga degli ultimi anni c’è sicuramente il tennis. La Toscana offre molte strutture con terreni da gioco storici dove lo sport incontra la tradizione.

Ma scendiamo nel dettaglio dei campi in cui dovreste capitare se vi piace la terra rossa, ecco qui la nostra lista.

  • Circolo del Tennis di Montecatini. Nel 1926 un gruppo di giovani di buona famiglia, sulla scia di una moda esterofila, costruisce e fonda il “Lawn Tennis Club Montecatini“ affiliato al Coni. Il dress code concesso era formato da pantaloni lunghi, camicie e scarpe rigorosamente bianche, unica frivolezza consentita i golf panna o blu con righe rosse o azzurre. Nel 2000 i pantaloni lunghi hanno ceduto il posto a pantaloncini e magliette colorate super sponsorizzate ma lo spirito è ancora quello dei pionieri degli anni ’20.
  • Il Circolo Tennis Firenze 1898. Nasce nel 1898 per iniziativa di 30 soci fondatori, in parte fiorentini e in parte inglesi. È la quinta struttura italiano ad iscriversi all’Associazione italiana di Lawn Tennis istituita a Roma il 16 Aprile 1894. All’inizio si giocava direttamente sul prato, poi furono costruiti due campi in terra battuta e nel 1900 fu donata la palazzina in stile classicheggiante, opera dell’architetto fiorentino Pietro Berti, la cui facciata, con qualche modifica, è quella che possiamo vedere anche oggi. Dal 2004 il Circolo Tennis Firenze è entrato a far parte del Club dei Centenari, sodalizio di cui fanno parte poco più di trenta realtà fra le più belle ed importanti del mondo.
  • Match Ball Firenze Country Club. Viene fondato nel 1974 e, con i suoi 16 campi immersi nel verde, una Club House ricca di servizi, la piscina, la palestra e il suo invidiabile contesto ambientale, risulta il club più attrezzato e suggestivo del capoluogo toscano. Tuttavia non è mai cambiato, negli anni, lo spirito che ha caratterizzato tutte le scelte e le manifestazioni collegate alla pratica di uno sport sobrio, elegante e formativo come il tennis. Un’anima nutrita dal piacere di trovarsi insieme con gli amici nel tempo libero, un tempo fondamentale per la qualità della vita di oggi.
  • Tennis Club Forte dei Marmi. Questo gioco fece la sua prima apparizione a Forte dei Marmi nel primo decennio del Novecento, quando lo scultore inglese Francis William Sargant costruì un campo privato nei suoi terreni intorno alle odierne vie Carducci e Via Venti Settembre. Qui imparerà i primi passi Paolo Bertolucci, vincitore, con Panatta, della Coppa Davis in Cile nel 1976. Nacquero poi altre strutture, prima fra tutti quella del Tennis club Forte dei Marmi, frequentata dalla migliore clientela della Capannina di Franceschi.