Reading Time: 2 minutes

I look da copiare

Puntuale come ogni anno la primavera porta un vento di cambiamento anche al nostro guardaroba. Ecco alcuni dei trend imperdibili.

Urban Jungle
Protagonista l’africa, il camouflage, i leopardati, gli indiani d’america. Valentino per la primavera 2016 propone borse in cuoio decorate con grafismi d’ispirazione Masai e decori tribali multicolor. Le bag sono più pratiche, senza perdere di vista l’eleganza. Ecco allora che le tracolle, dai motivi afro, diventano rimovibili e riutilizzabili.

Pizzo
Grande ritorno per il pizzo. Romantico, è total white per Balenciaga non solo per abiti boho chic di trasparenti tessiture fiorate e camicette impalpabili ma anche per le sleepers. Un bomber casual diventa un capolavoro di sartorialità nelle mani di Gucci attraverso intricati ricami in pizzo nero esaltati da sfumature di fondo rosa e nude, esplorando e reinterpretando i pezzi chiave dello street style

Verde
Per la primavera estate 2016 il verde è di gran moda! Perfetto per chi ama le tinte calde e sfumate, intenso e luminoso come lo smeraldo. Una nuance protagonista tra le blouse di seta dall’appeal retro di Gucci ma anche nel mocassino in suede verde che riprende la silhouette classica con l’aggiunta di frange e impreziosite di lato dalla doppia G iconica.

Fantasie grafiche e floreali
Le stampe che andranno per la maggiore sono quelle grafiche e le floreali. La primavera di Botticelli per Valentino è un tripudio di eleganza e femminilità: i piccoli fiori multicolore sulla base nera per il mini abito in seta, impreziosito dalla chiusura del colletto a fiocco ma anche per la clutch, secondo un patchwork artigianale su pelle declinate nei toni del rosso, avorio e nero. Stella McCartneycompone un abito in crêpe attraverso l’intreccio della stampa floreale con gli intarsi colorati di nero, avorio e arancione, per un look moderno e chic.

Righe
Ancora righe per il 2016, ma in versione decisamente più elegante. Saint Laurent ripropone un classico, la maglia in cotone dal taglio dritto ma anche su un top dallo scollo a barca dall’appeal vintage. Righe anche per Fendi, con lussuosi dettagli intarsiati rendono unico anche il più semplice degli abiti in maglia. Ispirazione Sixties per Emilio Pucci, che firma un capo chic minimale dalla texture in pura seta con righe verticali.