Reading Time: 2 minutes

I luoghi che hanno incantato il grande artista

Tanti grandi artisti si sono innamorati dell’Italia, della sua storia, della sua bellezza. Uno di questi fu Claude Monet, padre dell’Impressionismo, che nel 1884, in un viaggio in cerca di nuove ispirazioni, rimase completamente rapito dal fascino della Liguria di Ponente. Per questa esperienza scelse Bordighera e i suoi dintorni, dove ancora oggi è possibile passeggiare e veder comparire gli stessi scorci e soggetti ritratti nei suoi quadri.

“Questi luoghi sembrano fatti apposta per la pittura en plein air. Mi sento particolarmente eccitato da quest’esperienza e, dunque, penso di tornare a Giverny più tardi del previsto, anche se la vostra assenza disturba la mia serenità”, scriveva alla sua amata moglie Alice Hoschedé.

È così che sono nati alcuni dei suoi più grandi capolavori custoditi nei musei più importanti del mondo: in cerca di quella luce, quella vegetazione, quel mare che tanto lo fecero faticare, difficili com’erano da catturare per bellezza e ricchezza, ma che proprio per questo lo conquistarono al punto che arrivò a dipingere circa 50 quadri.

Per scoprirli dal vivo cominciate da Bordighera Alta e le sue eleganti ville, come Villa Garnier, Villa Etelinda e Villa Regina Margherita, con i loro lussureggianti giardini, con palme, aranci e magnifici panorami, ma soprattutto Villa Pompeo Mariani, il cui parco è ciò che resta del grande Giardino Moreno, uno dei luoghi preferiti di Monet “indescrivibile, è magia pura, tutte le piante del mondo sembrano crescervi spontaneamente”.

A soli 20 minuti di auto, l’incantevole soggetto di quello che è forse il suo quadro più famoso dipinto qua: il ponte e il castello di Dolceacqua, uno dei borghi più belli della Liguria.

Infine, per chi ha voglia di camminare tra storia e natura, un ultimo tuffo nel mondo di Monet lo può sperimentare visitando l’antico Sentiero del Beodo, dove ammirare il palmeto affacciato sul mare e le colline ricche di fiori ed essenze mediterranee che lo incantarono più di 130 anni fa.

Per chi desidera vivere questa esperienza attraverso una visita guidata, scrivere a sanremo@themall.it