Reading Time: 2 minutes

Degustazioni e passeggiate nel sud della Francia

La Provenza ha una storia vitivinicola millenaria. I suoi vigneti si estendono tra mare e montagna, colline e villaggi pittoreschi, arroccati sulle alture o sulle rive del Mediterraneo.

I colori e gli odori dei meravigliosi campi di lavanda, i vigneti a perdita d’occhio, conducono l’osservatore verso un emozionante viaggio che troverà piena compiutezza nella degustazione dei vini che questa terra preziosa offre.

I vini della Provenza solo negli ultimi tempi, per mezzo di un cambiamento delle strategie produttive rivolto alla qualità, sono emersi nel panorama vinicolo Francese: per l’ampia gamma di vini rosati, ma anche per i vini bianchi e rossi.

Dalle porte di Nizza fino a quelle della Camargue, la Strada dei vini di Provenza comprende più di 430 aziende e cantine. L’itinerario comincia a Gigondas con i rossi, passando per Avignone. Si continua poi verso Arles ed infine nel Sud dove si producono bianchi e rosè fruttati. Qui i vigneti sfruttano i terrazzamenti sulla costa come nella riviera Ligure.

La Provenza è specialista storica dei vini rosé, coltivazione fortemente radicata nelle tradizioni viticole del territorio. Il clima, i terreni, i vitigni qui favoriscono la sua preparazione. La Provenza produce anche vini rossi da invecchiamento, corposi e generosi, e bianchi di grande freschezza, molto aromatici.

Otto sono le aree vinicole ritenute come Appellation d’Origine Contrôlée della Provenza. Tra queste, le più rappresentative sono: Bandol, Cassis, Coteaux d’Aix-En-Provence et Les Baux-De-Provence e Côtes de Provence.

Per gli amanti dei vini bianchi, estremamente piacevoli sono i vini della Côte du Rhone, ancora raccolti rigorosamente a mano: i viticoltori dicono essere i ciottoli piatti e lisci che ricoprono i terreni, a donare alle uve quella corposità tipica che li contraddistingue. Per chi predilige i vini rossi invece, il robusto Châteauneuf-du-Pape rappresenta quello di qualità migliore, ideale per i piatti di carne, con il suo aroma corposo delle uve nere mourvèdre, che godono di moltissimo sole per acquisire il sapore caratteristico.

Il vino rosé in questa terra è qualcosa di più di un vino da aperitivo. Nello specifico è da prediligere le vin de sable della Camargue, un vitigno che cresce sulle dune e si fortifica con il sole, il vento e la salsedine.