Reading Time: 2 minutes

Le montagne di marmo affacciate sulla Versilia

Dagli itinerari per escursionisti esperti, per famiglie e bambini, ai musei sulla vita del Parco, alle tracce storiche come bunker e fortificazioni della seconda guerra mondiale. All’interno del Parco delle Alpi Apuane, in Versilia, si può trovare questo e molto altro. 

L’area protetta del parco Regionale delle Alpi Apuane si estende tra le province di Massa-Carrara e di Lucca e si sviluppa in un territorio in prevalenza montuoso. Si chiamano Alpi proprio per le vette così aguzze e così diverse da quelle del vicino Appennino. Queste cime, che regalano scenari da mozzare il fiato e che nelle giornate di cielo terso spingono la vista oltre la Corsica e fino alle coste francesi, possono essere apprezzata da tutti e in diversi modi, dal trekking alla mountain bike, dal cavallo alla semplice scampagnata.
I percorsi sono infiniti, esperienze a piedi di vario livello di difficoltà e tempo di percorrenza, adatti a famiglie con bambini sia ad escursionisti esperti, oltre ad un itinerario con facilitazioni per ipovedenti. È possibile sceglierli in base al tema o all’esperienza, da quello naturalistico a quello lungo le tracce della seconda guerra mondiale tra trincee e fortificazioni. Su questo il Parco ha recentemente pubblicato sette cammini ad hoc che si snodano proprio lungo quella che fu la Linea Gotica. Di quella barriera fortificata dai Tedeschi, che per circa sette mesi spezzò l’Italia in due sono ancora visibili molti segni e trovarli o ripercorrerli ti fa sentire dentro la storia.

Oppure si può anche decidere di salire a Fabiano di Seravezza, nell’entroterra della Versilia, a 400 m sul livello del mare. E qui visitare l’area archeomineraria delle cave storiche con la pieve medievale di S. Martino alla Cappella. Sono siti dove l’attività estrattiva ha origini antichissime e che furono frequentati dai più grandi scultori, artisti e architetti del Rinascimento italiano. 

All’interno del parco Regionale delle Alpi Apuane è possibile fare una sosta o rifocillarsi e trovare riposo in una delle tante strutture certificate. Rifugi ad alta quota, ristoranti, locande e agriturismi offrono ospitalità con cibi genuini e, nella maggior parte dei casi, cucinati con prodotti biologici o di filiera corta. Non rimane che mettersi in viaggio!