Reading Time: 2 minutes

Dieci anni di musica e ambiente visivo

Nextech è uno dei più longevi festival di musica elettronica e arti visive in Italia. Nato nel 2006 e divenuto parte integrante dell’offerta artistica e musicale della città, il festival ha l’intento di portare a Firenze la migliore musica elettronica internazionale e i migliori visual artist in suggestive location. Quest’anno Nextech Festival celebra la decima edizione con un’anteprima esclusiva giovedì 8 settembre, la presentazione del nuovo album di Backwords nella Sala Vanni.

Backwords è il progetto solista di Pardo, fondatore e chitarrista della storica band Casino Royale. Il suo ultimo album appena uscito è un’esplorazione intima e profonda del misterioso territorio d’incontro tra uomo e macchina attraverso l’uso di synth analogici, batterie elettroniche e macchine sonore d’annata. Una serata all’insegna della sperimentazione che vedrà esibirsi anche Greg Haines, giovane musicista proveniente dalla scuola dei grandi maestri di classica contemporanea ed elettronica colta come Philip Glass. La sua musica è un armonioso mix di suadenti melodie di pianoforte, delicate tessiture di violoncello e sintetici suoni elettroacustici, sospesa tra minimalismo classico e sperimentazione elettronica.

Nella serata di venerdì 9 settembre al Viper Theatre un’altra anteprima, la presentazione del nuovo disco di Andy Stott uscito lo scorso maggio. Un artista dallo stile inconfondibilmente obliquo e caratteristico. Mai cristallizzata in un solo genere, la sua musica oscilla fra la techno più profonda e la ritmica spezzata del garage, fra house rallentata e iperattivo footwork.

Sabato 10 settembre l’appuntamento con Nextech Festival è alla Fortezza da Basso, il tempio della techno. Teo Naddi presenterà un dj set che spazia dalla dub alla techno in modo dinamico e coerente, per creare ogni volta un’atmosfera unica ed un’energia fuori dal normale. A seguire sarà la volta del maestro olandese Speedy J, considerato uno dei pionieri della techno che insieme ad artisti come Laurent Garnier e Aphex Twin ha indiscutibilmente contribuito alla diffusione del genere. A chiudere le danze toccherà ad Ilario Alicante, uno dei rari producer che mantiene un legame vitale con il dancefloor.

L’appuntamento è quindi con Nextech Festival, con proposte che spaziano dal sound più ricercato e innovativo a quello mainstream, segnando l’evoluzione della musica elettronica.