Reading Time: 2 minutes

La celebrazione della moda Inglese degli anni ’60

Il V&A di Londra inaugura la prima retrospettiva internazionale sull’iconica stilista Mary Quant. La mostra esplorerà gli anni tra il 1955 e il 1975, quando Quant rivoluzionò la storia, sfruttando lo spirito giovanile degli anni sessanta e le nuove tecniche di produzione di massa per creare un nuovo look per le donne.

Mary Quant incarnava l’energia e il divertimento della Swinging London ed era un modello di riferimento per tutte le donne lavoratrici. Anticonvenzionale, ha reso popolare la minigonna, i collant colorati e i pantaloni sartoriali, inaugurando una nuova era del femminismo. La minigonna diventerà un’icona senza tempo e darà vita a una nuova scena creativa a Londra e all’estero.
La mostra esplorerà alcuni dei momenti salienti nella storia di Quant, dalla raccolta del suo OBE all’evoluzione dei suoi orli. La mostra esamina le sue collaborazioni con designers, suddivise in intimo, corsetteria e cosmetici, tutti realizzati per suoi progetti, e confezionati con il suo distintivo logo a forma di margherita. V&A esplora anche la sua linea di bambole, note come bambole Daisy, rivali di Barbie.
Jenny Lister, co-curatrice di Mary Quant al V&A, ha dichiarato: “Mary Quant ha trasformato il sistema moda, ribaltando il predominio della couture di lusso Parigina. Vestiva da donna libera, indipendente dalle regole, dalle convenzioni e dalla tradizione. Questa mostra, a lungo attesa, mostrerà come il marchio di Mary Quant si sia connesso alle esigenze ai suoi clienti, come abbia reso la moda del designer accessibile per le donne lavoratrici e come i suoi abiti giovanili e rivoluzionari, ispirati alla scena creativa di Londra, abbiano reso lo streetstyle britannico l’influenza globale che ancora oggi conserva. ”

Dalla piccola boutique all’etichetta internazionale, Quant ha rivoluzionato la moda britannica con energia e gusto. Mary Quant al V&A presenterà esclusivi progetti mai visti prima e fornirà una visione senza precedenti della carriera di uno dei designer di moda più rivoluzionari e importanti della Gran Bretagna.