Reading Time: 1 minutes

Gli otufit che hanno fatto la storia

La settantesima edizione del festival di Sanremo verrà ricordata anche per il grande ritorno della moda come protagonista assoluta delle performance degli artisti.

Alcuni dei più grandi designer e brand della moda internazionale, ma specialmente quella italiana, hanno vestito i più famosi cantanti in ciascuna delle edizioni del Festival. Un connubio questo, tra musica e moda, vivo e indissolubile sia per gli artisti che per il pubblico che assiste al lancio delle nuove proposte.

Come non ricordare quindi la giacca doppiopetto color giallo caldo di Domenico Modugno quando apre la giacca e lancia la sua Volare – primo successo internazionale del Festival del 1958. Oppure l’astro nascente del Rock’n Roll, Adriano Celentano che nel 1961 indossa giacca ampia lunga e pantaloni morbidi che sdogana il classico abito istituzionale: lo smoking. Un abito sensuale accompagna il brano di Iva Zanicchi del 1974 mentre ancora si ricorda l’abito con cappuccio incrociato e con ombelico scoperto di Anna Oxa del 1986. Al Festival del 1989 Mia Martini presentò il suo intramontabile Almeno tu nell’Universo, avvolta in un abito a pois dal sapore gipsy firmato Giorgio Armani.

In tempi recenti la scorsa edizione 2019 aveva trionfato Mahmood indossando outfit firmati MSGM come il cappotto cammello, con dei motivi a fantasia nei colori vinaccia e corallo e le camicie in stile tropicale. Le performance 2020 sono state invece all’insegna dello stile e della stravaganza: Gucci, Giorgio Armani, Etro e Alberta Ferretti solo per citare alcuni. Importanti brand che hanno accompagnato gli artisti sul palco del Teatro Ariston per questa settantesima edizione.