Reading Time: 1 minutes

 Il ritorno di un classico: per lui e per lei

La polo è un grande classico un po’ preppy che non dovrebbe mai mancare nel guardaroba. Sia in versione maschile che femminile, la polo è stata oggetti di tante rivisitazioni e interpretazioni anche per la primavera estate 2016. Basic e al tempo stesso ricercata, rappresenta l’alternativa alla semplice t-shirt e, volendo, anche alla camicia.

La polo di Gucci si distingue, grazie all’intervento di Alessandro Michele, per le decorazioni eclettiche come il serpente, ricamato sul colletto insieme al dettaglio di un’ape color oro, nuovo simbolo iconico del brand. L’ape di Gucci infatti campeggia in altri modelli di polo ricamato insieme ad altri elementi come le stelle o il nastro web.

Per Emenegildo Zegna la polo è un classico ma in versione multicolor che, in puro cotone, acquista profondità grazie all’effetto contrastante del colletto e dei bordi manica leggermente più scuri per un effetto tono su tono.

La versione femminile della polo di Stella Mc Cartney è ispirazione pura, per generare un vestito in maglia leggera con top modello polo caratterizzato da una stampa a quadri bianchi e color navy con cucitura asimmetrica. Modello a maniche corte dotato di colletto a punta con bordi a contrasto, abbottonatura diagonale e orlo svolazzante asimmetrico.

La polo di Brioni è in cashmere-seta nella sua versione estiva a manica corta. L’icona del guardaroba maschile più rilassata si eleva nei filati di pregio estremo: il cashmere abbinato alla seta, accoppia all’elemento “cocooning” un’inaspettata performance. Nella variante avorio trova naturale espressione su pantaloni sportivi o sotto una giacca casual, per un look rilassato.