Reading Time: 2 minutes

Fino al 23 ottobre 2022, nel museo di Reggello intitolato al grande artista

È considerato uno dei padri del Rinascimento fiorentino, ma in pochi sanno che il dipinto più antico di Masaccio si trova in un piccolo museo a fianco della millenaria Pieve di San Pietro a Cascia, nella campagna di Reggello, a circa 40 minuti da Firenze. È il Trittico di San Giovenale, custodito nel Museo Masaccio d’Arte Sacra, insieme a altre importanti opere come una grande tavola di Agnolo Guidotti e l’Annunciazione del Bronzino.

Realizzata da un Masaccio appena ventenne, è la prima importante testimonianza di quella che sarà la prospettiva geometrica rinascimentale.

In occasione dei suoi 600 anni, dal 23 aprile, data riportata sul dipinto, al 23 ottobre, il museo ospita la mostra Masaccio e i Maestri del Rinascimento a confronto, che vede tra i suoi sponsor The Mall Firenze, come sempre impegnato nella promozione e valorizzazione del territorio toscano.

“La mostra Masaccio e i Maestri d’Arte del Rinascimento a confronto per celebrare i 600 anni del Trittico di San Giovenale – dichiara Giorgio Motta, General Manager The Mall Luxury Outlets – celebra tutto il talento e la genialità innovativa di un maestro che ha saputo non solo rappresentare la bellezza con i suoi capolavori, ma persino reinterpretarla attraverso l’introduzione della prospettiva e la valorizzazione nei suoi quadri della moda del tempo.”

L’esposizione accoglie un altro famoso trittico: quello di San Pietro Martire del Beato Angelico, insieme alle opere di altri pittori che condivisero con Masaccio il desiderio di una pittura rinnovata, tra cui il Maestro di Barberino, Gherardo Starnina, Lorenzo Monaco, Mariotto di Nardo, Bicci di Lorenzo, Masolino da Panicale, Mariotto di Cristofano, Giovanni dal Ponte, Francesco d’Antonio e Andrea di Giusto.

La mostra è promossa e organizzata dal Museo Masaccio d’Arte Sacra e dal Comune di Reggello ed è inserita nel progetto Terre degli Uffizi, ideato e realizzato da Gallerie degli Uffizi e Fondazione CR Firenze, all’interno delle rispettive iniziative Uffizi Diffusi e Piccoli Grandi Musei.