Reading Time: 2 minutes

Nuovi scenari post Covid-19

L’emergenza sanitaria ha portato aria di cambiamento anche nella moda, infatti, se già sono nate piattaforme digitali dove i brand possono mostrare le loro tendenze in anteprima, saranno proprio queste ultime i canali principalmente usati per le sfilate.

Le prove generali sono state fatte a luglio con la Milano Digital Fashion Week: un calendario online di appuntamenti, tra backstage, film e video a metà tra il reale e il multimediale. Una valida risposta al distanziamento sociale e alla difficoltà di viaggiare imposta dalla situazione sanitaria mondiale, ma anche una soluzione dinamica alle complessità del presente. Uno strumento funzionale e creativo progettato per vivere di vita propria o per sostenere l’appuntamento con le sfilate fisiche, quando sarà possibile tornare alla pienezza dei live show, che restano fondamentali nel promuovere l’enorme valore produttivo e artistico del Made in Italy.

Dal 22 al 28 di settembre la Milano Fashion Week è stata Phygital con in calendario 28 sfilate fisiche e 24 contenuti digitali. La finalità è quella di permettere ad ogni azienda e designer di presentarsi con la modalità più affine alle sue esigenze di narrazione. Da aggiungere quindi alla barra dei preferiti la piattaforma MILANO DIGITAL FASHION WEEK per rivedere tutte le sfilate.

Anche Parigi si muove nella stessa direzione, la settimana della moda si svolge dal 28 settembre al 6 ottobre, con un programma misto tra eventi reali e digitali. La piattaforma PARIS FASHON WEEK ONLINE , già testata con successo per le sfilate di luglio, è di nuovo protagonista questo autunno.

La sensazione che si respira è quella di cambiamento che non sembra arrestarsi ma anzi, fornisce ogni giorno nuovi spunti di comunicazione. Il Covid-19 ha portato a una riflessione sui tempi del fashion system e sulla creatività, molti brand infatti hanno deciso di rallentare i ritmi imposti dal fashion business in nome del rispetto delle loro esigenze artistiche.

Ancora una volta la moda dimostra che, con il suo estro, è in grado di sapersi reinventare e creare scenari inaspettati.