Reading Time: 2 minutes

A Firenze la grande retrospettiva dedicata all’artista americano

Palazzo Strozzi rinnova l’appuntamento con la grande arte: a partire da ottobre 2021 fino al 30 gennaio 2022, Jeff Koons sarà a Firenze con una grande mostra che racconta i suoi oltre 40 anni di carriera attraverso opere di fama mondiale come Rabbit – il celebre coniglietto in acciaio inossidabile, di cui esistono tre edizione, una delle quali, quella esposta a Palazzo Strozzi, è l’opera d’arte più costosa di un artista vivente, venduto all’asta nel 2019 per 91,1 milioni di euro – e gli altri iconici giocattoli gonfiabili quali il Balloon Dog (Red), che fa mostra di sé al primo piano del palazzo rinascimentale, e le sue famose sculture in metallo perfettamente lucido che replicano oggetti di lusso, come il Baccarat Crystal Set. Passando poi per la re-interpretazione di personaggi della cultura pop come Hulk (Tubas), e la re-invenzione dell’idea di ready-made con l’utilizzo di oggetti di uso comune come One Ball Total Equilibrium Tank (Spalding Dr. JK 241 Series).

Originale chiave di lettura dell’arte di Koons il concetto di shine (lucentezza) inteso come gioco di ambiguità tra splendore e bagliore, essere e apparire. Le opere dell’artista americano pongono lo spettatore davanti a uno specchio in cui riflettersi e lo collocano al centro dell’ambiente che lo circonda. Come afferma lo stesso Koons: “Il lavoro dell’artista consiste in un gesto con l’obiettivo di mostrare alle persone qual è il loro potenziale. Non si tratta di creare un oggetto o un’immagine; tutto avviene nella relazione con lo spettatore. È qui che avviene l’arte”.

Joachim Pissarro, curatore della mostra con il direttore di Palazzo Strozzi Arturo Galansino, precisa: “C’è qualcosa di immediatamente coinvolgente nel lavoro di Jeff Koons, qualcosa che parla al nostro cuore in profondità. Tuttavia, la sua opera è tutt’altro che facile. Il suo impatto è diretto e potente, ma i livelli di significato, le complessità e la ricchezza del suo lavoro sono inesauribili. La possibilità di vedere oggi la sua opera a Firenze è estremamente importante: entra profondamente in risonanza con la tradizione del Rinascimento e ci procura un’intensa gioia e un appagamento estetico. Questo è il mistero di Jeff Koons”.

Jeff Koons. Shine
Palazzo Strozzi – Firenze
Dal 2 ottobre 2021 al 30 gennaio 2022
www.palazzostrozzi.org

(ph. Ela Bialkowska – OKNO studio)