Reading Time: 2 minutes

6 musei a cielo aperto da visitare assolutamente

Arte contemporanea in bellissimi parchi. Luoghi magici e suggestivi per chi ha voglia di visitare un museo immerso nella natura. La Toscana ne ospita di veramente unici. Ecco quelli da non perdere!

 

GIARDINO DELLE ROSE – FIRENZE

È uno dei parchi più belli di Firenze, appena sotto il piazzale Michelangelo. Mille varietà botaniche e più di 300 specie di rose antiche in un parco a terrazze alla francese affacciato sulla città, con un’incantevole oasi giapponese Shorai. Dal 2011 speciale museo delle opere in bronzo dello scultore belga Jean Michel Folon.

 

CASTELLO DI AMA – GAIOLE IN CHIANTI (SI)

Grandi vini e arte contemporanea nel cuore del Chianti, con opere di artisti come Michelangelo Pistoletto, Daniel Buren, Anish Kapoor, Louise Bourgeois e Miroslaw Balka, dislocate tra la moderna cantina, le antiche cantine, le ville settecentesche con le relative cappelle, i giardini e le vigne che circondano il borgo.

 

PARCO DELLE SCULTURE DEL CHIANTI

Località la Fornace – Pievasciata (SI)

Un bosco d’arte, dove hanno preso vita i lavori site specific di 26 artisti provenienti da tutto il mondo, come il Labirinto dell’inglese Jeff Saward e Energy, l’installazione in vetro e acciaio del greco Costas Varotsos.  All’interno anche un anfiteatro che durante la bella stagione ospita concerti e spettacoli.

 

PARCO DELLE SCULTURE KURT LAURENZ METZLER

Via Senese, 5 – Monticiano (SI)

Nel giardino intorno alla sua abitazione-studio appena fuori dal piccolo borgo senese, l’artista svizzero ha raccolto una cinquantina delle sue sculture, animando il parco con colorati ballerini, figure umane e meccaniche in bronzo, ferro, alluminio.

 

GIARDINO DI DANIEL SPOERRI

Strada Provinciale Pescina – Seggiano (GR)

Era il 1991 quando l’artista svizzero-rumeno Daniel Spoerri scelse questo piccolo paesino per creare il suo Giardino d’arte, che oltre alle sue installazioni raccoglie opere di altri artisti di fama internazionale come Dieter Roth, Mauro Staccioli e Erwin Wurm. Per un totale di 113 installazioni fatte da 55 artisti, su un territorio di ben 16 ettari.

 

GIARDINO DEI TAROCCHI

Capalbio (GR)

Ispirato al Parc Güell di Barcellona, capolavoro di Gaudì, è forse il parco d’arte più famoso della Toscana, sicuramente quello con le opere più stravaganti e instagrammabili. Sculture alte tra i dodici e i quindici metri, che raffigurano le 22 figure dei Tarocchi piene di tessere di mosaico, vetri e specchi coloratissimi. All’ingresso un padiglione progettato dall’archistar Mario Botta. (foto Peter Gränser, © Fondazione Il Giardino dei Tarocchi)