Reading Time: 2 minutes

Sei mesi di musica, teatro e cinema

Un programma multidisciplinare lungo sei mesi, per l’Estate Fiorentina 2016, che iniziata in occasione della Notte Bianca del 30 aprile scorso, proseguirà fino a fine ottobre. Un’edizione quella di quest’anno dedicata a Paolo Poli, il grande attore fiorentino che coinvolgerà tutta la città in sei mesi di spettacoli, mostre e concerti.

L’Estate Fiorentina si conferma così un potente attrattore per la cultura e l’arte e si propone ormai come un grande festival su scala nazionale: il più grande festival interdisciplinare d’Italia. Sono 11 gli spazi nella città di Firenze, che ospiteranno gli oltre 750 eventi che per la prima volta, approderanno in due luoghi d’eccezione: piazza dei Tre Re, recentemente inaugurata e il nuovo piazzale Michelangelo pedonalizzato. Tra i luoghi dell’estate ci saranno il Parco delle Cascine, con lo spazio dell’Ex Ippodromo del Visarno e l’Anfiteatro che ospiterà i grandi concerti all’aperto (da Sting, a Cat Power ai Massive Attack). Novità assoluta sarà l’utilizzo della Palazzina Ex Fabbri recuperata, immersa nel parco delle Cascine. Ma anche Santissima Annunziata con il cinema, il museo Novecento sempre più contaminato dalle performing arts, le Murate che ospiteranno un focus sulla danza e il cinema. Uno degli eventi più attesi sarà ospitato nella sala d’Arme dove il grande pianista Michael Nyman presenterà alcune video installazioni appositamente pensate e create.

Sei progetti speciali si affiancheranno al già ricchissimo programma dell’Estate Fiorentina, tra cui nei giorni di Pitti Immagine, dall’11 al 13 giugno, alla Stazione Leopolda ci sarà l’evento “Pitti contemporaneo – Secret Florence”, una serie di mostre con il coinvolgimento di Tempo Reale, Fabbrica Europa, Lo Schermo dell’arte, Museo Novecento e Compagnia Virgilio Sieni. A settembre, per celebrare il centenario dell’Antologia di Spoon River, saranno organizzate letture da Edgar Lee Masters, accompagnate dalle musiche di Fabrizio De Andrè. Ma Firenze punta anche a battere un record: con “String City” 100 concerti in 100 musei in appena 48 ore. Ai due giorni di musica parteciperanno la Scuola di musica di Fiesole, il Conservatorio Cherubini, l’Orchestra regionale della Toscana, il Maggio Musicale Fiorentino e il liceo musicale Dante Alighieri. L’ultimo dei sei progetti “speciali” è “Hai paura del buio? Un festival per Sollicciano”, a cura di Manuel Agnelli degli Afterhours.