Reading Time: 2 minutes

Il maestro delle stampe

Emilio Pucci è stato un designer rivoluzionario che ha conquistato le donne del mondo e continua ancora oggi a farlo con nuove collezioni e indimenticabili stampe.

La rivoluzione di Emilio Pucci è stata prima rivolta alle forme, ha liberato le donne da abbigliamenti rigidi e strutturati, dalle spesse imbottiture, dai corsetti e dalle sottovesti che costringevano il corpo. Un atto di liberazione in netto contrasto con gli stilisti della sua epoca, mosso dal desiderio di liberare le donne, concedendo loro una leggerezza nei movimenti senza precedenti. Abiti, pantaloni e top dai modelli essenziali e dalle linee fluide seguivano le silhouette naturali del corpo. Ma Emilio Pucci ha lasciato il segno anche per un’altra rivoluzione che ha interessato le stampe e quella maestria senza precedenti nell’uso dei colori e delle forme.Nel suo atelier nel palazzo Pucci nel cuore di Firenze Emilio Pucci vengono realizzate stampe e fantasie da riprodurre sulla seta lavorando a stretto contatto con i produttori e le manifatture locali.

Paesaggi naturali del Mediterraneo, culture esotiche, immagini di città e disegni optical: Pucci propone visioni oniriche negli stessi colori intensi e sensuali nei suoi modelli, con una maestria senza precedenti. Ogni stampa di fatto è un’opera d’arte su tela: cromie grafiche, disegni astratti ispirati ai mosaici siciliani, alla simbologia araldica, alla tecnica batik, ai motivi africani. Motivi geometrici pulsanti di energia che entranoo a far parte del guardaroba femminile, un’audacia che ha valso a Emilio Pucci il soprannome di “The Prince of Prints”. E poi, un’ampia gamma di colori e tonalità – giallo limone, rosa Emilio, lavanda, azzurro, verde menta – sono il segno distintivo dello stile Pucci. Immediatamente riconoscibili, le combinazioni cromatiche di Pucci esprimono gioia ed emozione, pur mantenendo una certa essenzialità nello stile di modelli e abiti.

L’eredità di Emilio Pucci continua ancora oggi ad essere una forza propulsiva del brand e una pietra miliare nella rivoluzione del concetto di lusso italiano nel mondo.