Reading Time: 2 minutes
Dolci colline ricoperte da ordinati vigneti, grandi vini, architettura, design e arte contemporanea: sono le eccellenze del “made in Tuscany” protagoniste di un tour nella terra delle vigne e dell’arte, aggiornato in chiave moderna. E’ il fenomeno delle ‘cantine d’autore’, veri e propri templi consacrati alla produzione dell’eccellenza vinicola, ma anche alla più aggiornata sperimentazione di forme e materiali nel campo dell’architettura e del design.

Tenuta dell’Ammiraglia (design Grenon-Sartogo) e la barricaia della Cantina Antinori (design Studio Archea)

Selezioniamo tra le ormai numerose cantine sparse sul territorio toscano le più note e iniziamo il nostro viaggio, ovviamente, dal cuore della produzione vinicola toscana, il Chianti. Partiamo da San Casciano Val di Pesa, dove Marchesi Antinori ha inaugurato nel 2012 la cantina realizzata da Studio Archea con un mastodontico ma ora quasi invisibile intervento sulla collina del Bargino, guidato nel segno della continuità con la tradizione e nel rispetto del paesaggio. Spostiamoci nel Chianti senese per visitare a Gaiole laCantina Badia a Coltibuono progettata da Nathalie Grenon e Piero Sartogo e le due cantine disegnate da Agnese Mazzei per l’azienda di famiglia, il Castello di Fonterutoli a Castellina e per il Barone Ricasoli al Castello di Brolio.

Cantina Icario (design Studio Valle Progettazioni)

Concludiamo in Chianti con la Cantina Icario della famiglia Cecchetti di Studio Valle Progettazioni e muoviamo sulla costa tirrenica per visitare la cantina Petra a Suvereto (LI), dove Mario Botta ha realizzato uno dei suoi inconfondibili cilindri in mattoni sezionati da un piano. Proseguiamo verso sud e in territorio maremmano puntiamo alla slanciata struttura di Grenon-Sartogo della Tenuta dell’Ammiraglia dei Marchesi Frescobaldi a Magliano, adagiata nella campagna come un’ala di gabbiano. Terminiamo il nostro tour con una degustazione alla tenuta dell’editore Paolo Panerai della Rocca di Frasinello a Gavorrano, dove alla torre rossa lanciata verso il cielo terso di Maremma significativamente corrisponde, nel sottosuolo, la barricaia, disegnata da Renzo Piano come un quadrato illuminato al centro da un raggio di sole, catturato appunto dagli specchi posti alla sommità della torre.

La barricaia della Rocca di Frassinello (design Renzo Piano) e Petra (design Mario Botta)