Reading Time: 2 minutes

Residenza d’epoca in Toscana

Il Castello Malaspina di Fosdinovo, risalente alla seconda metà del XII secolo, si erge a nord della Toscana tra le Alpi Apuane e la costa del Mar Tirreno (Lerici, Cinque Terre, Versilia).

La costruzione dell’imponente fortezza, innalzata a dominio e difesa del primitivo Castro di Fosdinovo, ebbe inizio nella seconda metà del XII secolo. Il castello oggi si compone di una pianta quadrangolare con quattro torri rotonde orientate, un bastione semicircolare, due cortili interni (uno centrale), camminamenti di ronda sopra i tetti, giardini pensili, loggiati e terrazze. Protetto anticamente da un ponte levatoio, l’ingresso si apre su un piccolo cortile: da qui partono le larghe rampe di scale che conducono al grande cortile centrale. Attraverso l’elegante porticato rinascimentale con colonne in pietra, si accede alle sale del Castello, arredate ed affrescate alla fine del 1800: la Sala d’ingresso, la Sala da pranzo col grande camino settecentesco e le ceramiche da farmacia del ‘600, la Sala del trono, la stanza di Dante, il grande Salone con gli attigui salotti e la camera del trabocchetto con la sottostante sala delle torture.

Il Castello Mlaspina oggi è un museo, un centro culturale dedicato alla produzione e alla diffusione delle arti contemporanee, una residenza per artisti e scrittori ed ospita al suo interno anche un b&b accogliente e suggestivo

Il percorso museale attraversa l’intera struttura dell’edificio dalle prigioni alle torri panoramiche. Di particolare interesse i saloni dipinti da Gaetano Bianchi, la stanza di Dante Alighieri, le collezioni di monete, ceramiche, armi, attrezzi di uso quotidiano e strumenti di tortura. Nel periodo estivo è possibile percorrere il castello alla ricerca di lavori di arte contemporanea lasciati dagli artisti che vengono invitati in Residenza.

Le camere del b&b, situate lungo il percorso museale, sono uniche per arredi e vista. L’attenzione per il soggiorno degli ospiti del castello è quella riservata agli amici più cari: informale ma allo stesso tempo accogliente e premurosa. Un’esperienza lontana dalle modalità alberghiere più canoniche.