Reading Time: 2 minutes
Bottega Veneta ha lanciato una collezione di handbag eco friendly di straordinaria bellezza. Il fantastico brand, famoso in tutto il mondo per i suoi accessori di pelle, ma soprattuto per le borse con i particolari intrecci, ha voluto puntare su nuovi materiali che rispettino la filosofia vegan.

Anche la moda sta diventando sempre più eco sostenibile. Gli stilisti stanno prestando finalmente attenzione all’impatto ecologico del fashion business e si sono meddi al lavoro per trovare tessuti innovativi e materiali altrettanto validi e pregiati per le loro creazioni.

Dalla particolare corteccia del gelso si ricava una carta sottile all’apparenza delicata, ma in realtà molto resistente, chiamata washi, meglio conosciuta come carta giapponese. Questa carta viene ancor oggi lavorata rigorosamente a mano e si trasforma in un materiale ottimo per borse vegan friendly.

Un altro materiale utilizzato è il jersey Trattato e lavorato in Francia, tinto e ultimato in Italia, grazie agli artigiani specializzati del brand, viene successivamente cucito fino al raggiungere un’insolita consistenza.

L’interno delle handbag ha una fodera in seta e la chiusura ha un bellissimo elemento decorativo rettangolare di ottone colo brunito. 

Il direttore creativo Tomas Maier ha dichiarato di aver voluto realizzare le borse in jersey e carta, grazie a un confronto con le sue clienti, che chiedevano un accessorio elegante, realizzato a mano, ma non in pelle.

Subito è stata accolta la sfida con grande entusiasmo ed ha aggiunto: “ In quanto marchio di lusso, rinomato per i suoi articoli di pelletteria realizzati a mano, non possiamo certo definirci vegani. Bottega Veneta ha tuttavia sempre avuto un’attenzione particolare per limitare il proprio impatto ambientale. E poi, ci piace accontentare le richieste della nostra clientela. È stata una sfida appassionante e sono molto soddisfatto dell’esito della collezione.”

Anche noi siamo decisamente soddisfatte visti i grandiosi risultati, oltre che bellissimi, anche ecosostenibili. E tu che ne pensi? Scrivimelo nei commenti.