Reading Time: 2 minutes

Barga, Poppi, Anghiari

I borghi in toscana sono dei gioielli da scoprire in autunno, quando rivelano la loro anima più autentica e i colori delle pietre si mischiano a quelli della natura.

Anghiari
La forma angolare del castello antico (castrum angulare) di Anghiari è probabilmente all’origine del nome del borgo. Un’altra interpretazione fa invece derivare dall’ammasso di “ghiaia”, accumulata dal Tevere nei millenni, su cui è costruito il centro storico, che regala una vista panoramica senza eguali sulla vallata. Gli anghiaresi conservano uno spirito battagliero che deriva loro dalla visione quotidiana della pianura ai piedi del borgo medievale, intorno a cui si agitano ancora gli spiriti dei guerrieri che presero parte alla Battaglia d’Anghiari e che, probabilmente, furono nella mente di Piero della Francesca quando in Arezzo affrescò le battaglie di Costantino e di Eraclio.

Barga
Barga è immersa nella verde e rustica bellezza della Garfagnana, avvolta nel manto salutare e profumato dei boschi, punteggiata di antichi borghi. La Valle del Serchio ha incantato Giovanni Pascoli e quest’incanto il visitatore lo scopre inoltrandosi nelle carraie e nei vicoli di Barga, che rivela il suo spirito nel Duomo millenario. La struttura urbana di Barga è rimasta più o meno quella dell’età comunale (sec. XII-XIV), segnata dalla ragnatela delle strade che si aprono tra l’irregolarità degli edifici. 

Poppi
Poppi è al centro del Casentino e il borgo medievale è una città murata alla cui sommità si trova il castello dei Conti Guidi “prototipo” di palazzo Vecchio a Firenze. Poppi rappresenta una Toscana diversa, il Casentino, terra di castelli e pievi romaniche, di luoghi danteschi, dove più forte ancora è l’impronta del medioevo. Da questa parte della toscana dove l’Arno si incunea in mezzo ai monti dell’Appennino, tutto è più cupo, feudale, mistico. L’abbondanza d’acqua e di boschi ha reso questi luoghi prediletti da mistici ed eremiti e fonte d’ispirazione per poeti, anche piuttosto inquieti come Dino Campana.