Reading Time: 1 minutes

La città delle 100 chiese

Lucca, chiamata anche la città delle 100 chiese è un piccolo salotto a cielo aperto della Toscana più autentica. La cosa che salta all’occhio sin da subito è che la cittadina è circonda da 4 km di mura perfettamente intatte che permettono lunghe passeggiate gustandosi dei bellissimi tramonti.

La protezione delle mura non è mai servita per uno scopo militare quanto invece a preservarne il nucleo antico. Da qui è possibile ammirare l’interno della città tra le sue moltissime chiese, campanili e palazzi nobiliari. La caratteristica unica delle mura è quella ti ospitare sulla sommità un viale alberato che permette di gustarsi il paesaggio immersi nel verde.

Il modo migliore per visitare Lucca è quello di attraversarla a piedi per non perdere il continuo alternarsi di vicoli, chiese, botteghe artigianali e pasticcerie.

Ogni casa, piazza e monumento raccontano quanto questa città abbia avuto un passato importante e potente, Lucca è stata infatti terra di banchieri, artisti e commercianti che hanno lasciato il segno del loro passaggio.

Alzando gli occhi verso il cielo noterete un continuo alternarsi di torri e campanili, la più pittoresca è Torre Guinigi alla cui sommità si erge un leccio secolare come simbolo della rinascita della città.

La piazza più famosa è Piazza dell’Anfiteatro chiamata così  perché costruita sui resti di un anfiteatro romano, è di forma ellittica e rappresenta un punto di relax per la città date le numerose caffetterie che la circondano.

L’appellativo “città dalle 10 chiese” ha origine storica in quanto nel corso dei secoli sono stati edificati numerosi luoghi di culto anche dalle famiglie nobili che erano solite costruire delle cappelle private all’interno dei propri palazzi.

Finito il tour non dimenticatevi di fare una sosta in qualche pasticceria per gustare il famoso “Buccellato” un dolce considerato “di altri tempi” ma che racchiude in sé tutta la tradizione lucchese.