Reading Time: 2 minutes

Un piccolo vademecum per sciatori e non

Che siate sciatori o snowboarder, appassionati di ciaspolate o, perché no, anche solo della natura, o della confortevole cucina tipica dei rifugi, l’Abetone fa al caso vostro e questo articolo è quello che vi serve per godervelo al meglio.

IMPIANTI

Il comprensorio Abetone-Val di Luce include 50 chilometri di piste e 22 impianti di risalita, accessibile con un un unico skipass.

È diviso in tre zone:

  • La prima è quella degli impianti storici, ovvero Selletta, Fivizzani, Riva
  • La seconda è quella delle piste sul versante emiliano, Stucchi e Pulicchio, e comprende le tre piste Zeno ideate dal famoso sciatore Zeno Colò: la Zeno 1, nera (l’unica del comprensorio) e quindi solo per esperti, la Zeno 2, rossa, e la Zeno 3, azzurra e quindi adatta anche ai principianti, ma non questo meno emozionante, anzi, è considerata una delle più belle piste d’Italia
  • La terza è quella della Val di Luce, costituita da quattro tracciati principali: Passo d’Annibale, Alpe delle tre Potenze, Monte Gomito, Sprella.

Per chi ama lo sci di fondo, ci sono due piste ad anello: il primo parte da breve distanza dal centro abitato dell’Abetone e si sviluppa all’interno del bosco lungo il sentiero del Maiori, il secondo è in zona Maresca e inizia dalla Casetta dei Pulledrari per poi entrare nella Foresta del Teso.

CIASPOLATE

Quattro i percorsi principali:

  • Anello del Maiori: 2 ore, non impegnativo, da piazza di Abetone fino alle pendici del monte Libro Aperto.
  • Abetone – Verginetta – Boscolungo: 2 ore e 30 minuti, non impegnativo, fra i boschi del Monte Maiori.
  • Anello del Doni: 1 ora e 30 minuti, passeggiata facile attorno al paese dell’Abetone.
  • Lago Nero: 1 ora e 30 minuti, non impegnativo ma con qualche tratto tecnico, dall’Orto Botanico fino al Lago Nero.

HOTEL E RIFUGI

Per dormire e per speciali trattamenti benessere l’indirizzo cult è il Val di Luce Spa Resort, letteralmente a due passi dal Passo di Annibale, da cui si raggiungono le piste Jolly, Sprella e Abetina.

Chi ha voglia di godersi un panorama indimenticabile, un po’ di tranquillità o un bel piatto caldo, non può mancare di visitare il rifugio La Selletta, la Baita Pulicchio o il Rifugio Ovovia.