Reading Time: 2 minutes

A Palazzo Corsini a Firenze

A settembre apre i battenti la 30ma edizione della Biennale Internazionale dell’Antiquariato ancora una volta ospitata nei saloni barocchi di Palazzo Corsini, affacciato su uno dei lungarni più belli della città di Firenze.

Per accogliere le oltre 3.000 opere esposte e le oltre 80 gallerie italiane e straniere, Palazzo Corsini si presenta con un nuovo allestimento, quest’anno affidato alla vena creativa di Matteo Corvino, noto interior designer e scenografo veneziano. Un progetto work in progress che si apre alla modernità e che sarà reinterpretato già dalla prossima edizione. L’intento è di fornire ai visitatori una sempre maggiore visibilità delle architetture seicentesche di Palazzo Corsini con l’utilizzo di un soffitto di vetro per il percorso centrale. Una maggiore luminosità agli spazi interni del palazzo sarà garantita, mentre dalla terrazza di Palazzo Corsini si potrà ammirare la ricostruzione di un giardino pensile all’italiana realizzato con bordure di bosso.

Ampliando i suoi confini temporali fino agli anni Ottanta, l’edizione 2017 della Biennale Internazionale dell’Antiquariato prosegue l’apertura verso l’arte contemporanea già intrapresa nella passata edizione con l’installazione della scultura in acciaio dorato di tre metri d’altezza dell’artista americano Jeff Koons con l’artista svizzero Urs Fischer. Una scelta perfettamente in linea con la tendenza evidente in tutte le maggiori manifestazioni del settore a livello internazionale e che intende favorire un collezionismo che sappia far dialogare opere di epoca anche diversissima, dall’archeologia al contemporaneo, passando per tutti grandi momenti della storia dell’arte universale.

Ancora una volta, sarà quindi una della Biennale Internazionale dell’Antiquariato aperta alla città e in stretta sinergia con le principali istituzioni fiorentine, così da offrire ai visitatori un ricco programma di eventi in molti dei luoghi simbolo del centro cittadino, diventando l’occasione per scoprire le bellezze di Firenze sotto una nuova luce.