Reading Time: 2 minutes

Le opere d’arte per il nuovo store

ZegnArt presenta una nuova collaborazione tra il brand Ermenegildo Zegna e l’artista contemporaneo William Kentridge.

ZegnArt è la piattaforma che raccoglie tutte le attività di Ermenegildo Zegna nell’ambito dell’arte contemporanea. ZegnArt riconosce nell’arte del nostro tempo la capacità di mettere in relazione culture, favorire lo scambio di risorse e conoscenze, sostenere la crescita di valori etici e civili. Strutturata in tre macroaree, ciascuna caratterizzata da una precisa area di intervento e da un diverso impianto curatoriale, ZegnArt è un punto di incontro tra il mondo dell’impresa e quello della cultura, in linea con una tradizione di famiglia e di azienda che risale al suo fondatore, Ermenegildo Zegna.

William Kentridge (Johannesburg, 1955) è l’artista invitato a creare una speciale opera d’arte intitolata Dare / Avere (2016), un arazzo nel quale l’artista traccia la propria interpretazione della storia e dei valori del brand, traendo l’ispirazione principale dal fondatore stesso.

Lia Rumma, curatrice del progetto, racconta la commissione ZegnArt: “Ho il piacere di seguire e di promuovere il lavoro di William Kentridge da molti anni e sono lieta che la Famiglia Zegna abbia deciso di sposare la sua ricerca, commissionando all’artista sudafricano la realizzazione dell’opera Dare/Avere (2016). Non è ovviamente un caso che l’arazzo sia stato prescelto come il medium più adatto a raccontare di questa sinergia […]

Nell’arazzo Dare/Avere (2016), William Kentridge ha fatto collassare, su più piani, le proprie intenzioni e le suggestioni provenienti dall’universo Zegna: il contesto geografico di Trivero, in provincia di Biella, in Piemonte, luogo dove è nato e tuttora opera il Lanificio; l’aspetto quotidiano e pratico del lavoro, evocato dai libri contabili che fanno da sfondo al lavoro, fino alle quattro grandi figure nere che, vestendo i prototipi degli abiti, costituiscono l’esito finale di tutto il processo creativo. E proprio in quelle silhouette è riconoscibile il profilo di Ermenegildo Zegna con il bastone e il cappello che portava sempre con sé. Sono ritagli di tempo, riassunti attraverso simboli chiave come la macchina da cucire, l’etichetta che firma un capo, il dare e avere che regola le leggi del mercato.

E’ l’istantanea del cammino dell’azienda, che da oltre un secolo si compie, cucendo assieme arti, tradizioni, luoghi, esperienze e gestualità.”