Reading Time: 2 minutes

Scopri il colore del momento

Scopriamo che cosa vuol dire amare il blu, in tutte le sue tonalità. Un colore classico ma che non smette mai di essere amato e indossato.

Blu profondo, azzurro, blu navy, indaco. Il blu si esprime in moltissime varianti, che ci ricordano come sia un colore che circonda le nostre esistenze, dalla profondità degli oceani alla vastità del cielo. Un colore primario che compare in quasi tutte le collezioni, da Roberto Cavalli a Sergio Rossi, da Ermanno Scervino a Emilio Pucci. Una declinazione immancabile di un colore che solo apparentemente appartiene alla classicità. L’azzurro, anche suoi toni più profondi e vibranti tendenti al blu elettrico, appare sulle passerelle nella metà degli anni’80, come alternativa ad un altro colore primario: il rosso. In quegli anni il blu dimostrò, anche abbinato alla pelle, una forza erotica in grado di scalzare il predominio del rosso, soprattutto per calzature e completi.

Altra storia invece per il blu navy, più vicino all’idea rassicurante che abbiamo del blu ma in grado al tempo stesso di rivoluzionare il guardaroba di mezzo mondo. Negli anni 2000 infatti non c’era designer che non fosse ricorso al blu, talvolta preferendolo al sexy e aggressivo nero corvino. Un’estetica che da qualche parte richiamava anche le divise militari e gli echi degli interventi americani in medio oriente, che tramutarono il blu navy in un colore impegnato e intellettuale. Per donne e uomini intelligenti in grado di vivere il presente senza pensare troppo ad un futuro incerto.

Infine, l’indaco. Un colore che attraversa la storia dell’umanità e i millenni ma che si è impresso per sempre nell’immaginario della moda da quando è stato inventato il denim. I primi jeans usavano infatti la tintura naturale a base di indaco e fino ai primi novecento usato esclusivamente per gli abiti da lavoro. Ma l’indaco era comunque destinato al successo: la sua natura popolare e iconografica l’ha reso infatti un colore di tendenza in grado di portare all’attenzione del grande pubblico una moda democratica e vicina alle persone comuni.