Reading Time: 2 minutes

Live music, visual art e cultura contemporanea a Pistoia

R.Mutt 1917 è un luogo in cui si incontrano live music, visual art e cultura contemporanea a Pistoia. Non cercate l’insegna di questo locale fuori dagli schemi, il suo nome è un’omaggio nascosto alla storia dell’arte e alla città.

Il nome R. Mutt 1917 è infatti la firma che compare sulla “Fontana” di Marcel Duchamp, un’opera che segna il passaggio a una nuova concezione di arte in cui il punto di vista dello spettatore diviene parte integrante del processo artistico.

R. Mutt 1917 non è quindi un cocktail bar come gli altri, caratterizzato da un genere musicale specifico, ma un’idea innovativa di locale notturno, unendo la musica all’arte in una delle città più belle della Toscana. Ospitato in un oratorio del 1300 è uno spazio dinamico che subisce continue trasformazioni, grazie a video mapping ogni sera diversi. Il contesto storico e architettonico in cui si colloca è infatti importate per definire l’anima del R. Mutt 1917. Potrebbe trovarsi ovunque, per scoprirlo è necessario infiltrarsi nelle strette strade del centro storico di Pistoia: giusto una luce ad illuminare il passaggio segreto dell’ingresso e poi l’uscita.

In questo contesto così particolare, la creatività contamina se stessa, creando un gioco infinito di riflessi che coinvolge ogni sfera sensoriale, dalle installazioni visive in continuo mutamento, alla musica che le accompagna, al gusto di un cocktail fatto ad arte.
R. Mutt 1917 non è quindi una discoteca, non è un cocktail bar, non è un semplice club. L’ispirazione arriva direttamente dalle atmosfere del classico american bar richiamando il gusto artistico di un club straniero d’oltreoceano. R. Mutt 1917 ricorda uno “Speakeasy”, i bar clandestini che vendevano illegalmente bevute alcoliche durante il periodo del proibizionismo. Un punto di riferimento imperdibile parte integrante di quel cambiamento che da alcuni anni sta trasformando in modo positivo la città di Pistoia, recentemente designata come Capitale della Cultura 2017.