Reading Time: 2 minutes

L’evento tra arte, storia e tradizione

Il 16 agosto si corre nella città Toscana  una delle due edizioni annuali del Palio di Siena nella scenografica Piazza del Campo. Un appuntamento con la tradizione, la vita del popolo senese e i diversi suoi aspetti e sentimenti.

Il Palio ha origini antichissime ed il palio attuale corso con i cavalli, detto “alla tonda” in Piazza del Campo, si svolge dal Seicento, erede delle corse di cavalli che attraversavano la città terminando di solito in Piazza del Duomo. Da quel momento, si ha notizia di centinaia di palii corsi nel Campo aventi per protagoniste le Contrade, delle quali esistono tracce storiche a partire dal 1400. Il territorio della Città è infatti diviso in diciassette Contrade con dei confini stabiliti nel 1729 dal Bando di Violante di Baviera, Governatrice della Città. Le Contrade si identificano in porzioni di territorio comunali iscritte all’interno della cinta muraria. Chi vi nasce è contradaiolo e, per logica conseguenza, ha il dovere e il diritto di partecipare alla vita della propria contrada.

Ma Il Palio di Siena non è una semplice rievocazione storica, è la manifestazione dell’identità della città di Siena e della tradizione popolare nei suoi diversi aspetti e espressioni. Quattro giorni di festa con appuntamenti, eventi e divertimenti che precedono la corsa vera e propria.

I turisti affollano Siena le terrazze che si affacciano su Piazza del Campo pur di avere un posto in prima fila: il Palio è uno spettacolo a cui assistere almeno una volta nella vita. I cavalli compiono tre giri di pista per circa 1000 metri e solo al primo arrivato è riservata la gloria della vittoria, sanzionata da tre giudici della vincita. Il Palio consiste in un dipinto originale su stoffa (seta) ed ha una dimensione particolare: quella di un rettangolo allungato. Il suo valore è unico, perché testimonia di particolare periodo storico della città di Siena; ogni Palio riporta i simboli dei vari governi che l’hanno amministrata

foto di Elisa Lovati per gentile concessione del Consorzio per la Tutela del Palio di Siena