Reading Time: 2 minutes

Gli eleganti dipinti per la prima volta in Italia

John Currin, tra i più apprezzati artisti del nostro tempo, è protagonista di un grande evento al Museo Stefano Bardini di Firenze. Fino al 02 ottobre si potranno ammirare, per la prima volta in Italia, gli eleganti dipinti di Currin in una mostra unica e imperdibile.

Pittore sofisticato per tecnica e cultura visiva, Currin è conosciuto e apprezzato per i ritratti sofisticati e le scene seducenti interpretate con un ironico, impudico realismo. Con i suoi dipinti Currin ha saputo ridefinire la ritrattistica contemporanea, con ambientazioni mai banali e sottintesi sarcastici, e una scelta dei soggetti che ricordano per definizione formale anche la grafica di riviste patinate o pornografiche. L’interpretazione dell’eros femminile, e della psicologia borghese americana, risulta nelle sue opere quasi surreale o grottesca, estremamente perturbante.  Ma la sua satira figurativa non è mai urlata, o plateale, mai caricaturale o di cattivo gusto. Le sue figure, vestite o atteggiate come comparse di romanzi rosa o come imperturbabili manichini di un centro moda, dallo spirito zelante anche nel caso di pratiche sessuali solitarie o di gruppo, svelano segni ed espressioni di inequivocabile alterazione psico-fisica. L’anatomia sproporzionata, o prospetticamente deformata, l’espressione facciale, altera l’ideale rappresentazione del corpo o del volto femminile rinascimentale.

In questo senso la sua pittura si situa nella scia di Pablo Picasso e di Willem de Kooning piuttosto che su quella di John Singer Sargent o di Edward Hopper. In mostra saranno presentati una serie di dipinti inediti per l’Italia, scelti da John Currin in dialogo con le straordinarie raccolte di pittura e scultura del Museo Stefano Bardini, grandissimo antiquario e collezionista fiorentino del XIX secolo. Saranno esposti pure alcuni disegni, a ben rappresentare la prodigiosa tecnica di Currin, in dialogo con la “sprezzatura” grafica di Tiepolo e Piazzetta, di cui al Museo Bardini si conserva una serie assai pregevole di esemplari.