Reading Time: 2 minutes

Lo sguardo sul cinema mediorentale

Il Medio Oriente contemporaneo torna da protagonista a Firenze dal 4 al 9 aprile 2017, con la 8ª edizione di Middle East Now, il festival internazionale di cinema, documentari, arte contemporanea, musica, incontri ed eventi ideato e organizzato dall’associazione culturale Map of Creation. L’evento si terrà tra Cinema La Compagnia – nuova main location del festival, bellissima sala del centro città riaperta da poco, al Cinema Stensen e altre location e spazi cittadini, con un ricco programma di proiezioni ed eventi speciali.

Middle East Now 2017 presenterà 45 film premiati nei migliori festival internazionali, di cui 19 cortometraggi e 39 anteprime italiane. Un viaggio cinematografico che tocca i paesi e le società dell’area mediorientale, mai come oggi al windowskeys.net centro dell’attenzione della politica e dei media internazionali. Le storie, i personaggi, i temi forti e l’attualità nei titoli cinematografici più recenti da Iran, Iraq, Kurdistan, Libano, Israele, Libia, Palestina, Egitto, Giordania, Emirati Arabi, Yemen, Afghanistan, Siria, Bahrein, Algeria, Marocco e Oman, faranno conoscere al pubblico le culture e le società di questi paesi, con una prospettiva che cerca di andare oltre i pregiudizi e i luoghi comuni con cui spesso vengono rappresentati.

La dimensione urbana della vita in Medio Oriente, le città come metafora della complessità del vivere in questa parte del mondo, ma anche le città come luogo di creatività e di espressione culturale. Il tema “Urban Middle East” sarà sviluppato nel programma cinema, nei progetti espositivi, negli eventi speciali presentati e nel bookshop tematico del festival e nel programma di Talks con protagonisti della cultura e della scena geopolitica mediorientale.

Tra i progetti speciali la mostra “Saudi Tales of Love” di Tasneem Alsultan, ritratti di donne coraggiose in Arabia Saudita, alle prese con divorzi e relazioni sentimentali complicate. Grande attenzione anche al food, grazie alla presenza dello chef anglo-iracheno Philip Juma  fondatore del progetto Juma Kitchen e astro nascente della Iraqi cuisine. Di origini anglo-irachene, autore di una rubrica settimanale sulle pagine del prestigioso buy windows 10 key quotidiano inglese Evening Standard, è lo chef che sta letteralmente cambiando la percezione che le persone hanno della identità culinaria dell’Iraq.