Reading Time: 2 minutes

81 anni di golf a Firenze

In Italia la pratica del gioco del Golf ebbe inizio a Firenze nel 1889 grazie alla presenza inglese che realizzò un percorso di 18 buche sui terreni dei Principi Demidoff a nord della città. Nel 1934 venne inaugurato il bellissimo percorso sulle colline alle porte del Chianti e fu fondato il Circolo del Golf dell’Ugolino che da allora rappresenta il Golf a Firenze.

L’inglese Cecil Blandford e l’irlandese Peter Gannon disegnarono questo bellissimo percorso di 18 buche perfettamente integrato con le morbide colline della via Chiantigiana, ricoperte da vigneti ed oliveti dove l’aria profuma di pini marittimi e di ginestre. Il percorso è molto tecnico ma consente di giocare immersi nelle bellezze naturali del luogo: il bosco, gli ulivi, gli alberi da frutta. I green piccoli ben difesi dai bunker e i fairway in pendenza lo rendono molto piacevole ma anche impegnativo. Ma giocare all’Ugolino non è soltanto praticare uno sport bensì è un’esperienza indimenticabile che immerge il giocatore in un paesaggio collinare della Toscana di rara dolcezza, emozionante e coinvolgente.

La club-house del Circolo Golf Ugolino è un meraviglioso esempio di architettura razionalista degli anni ’30 opera dell’architetto Gherardo Bosio. Sorge in posizione strategica sulla sommità di un poggio con le 18 buche che si susseguono tutt’intono a 360°, circondato da prati costellati da cipressi e pini. La costruzione a tre piani suddivisi in grandi spazi circondati da un’ampia e piacevolissima terrazza dalla quale si gode un fantastico panorama collinare. Al secondo piano ci sono ambienti dedicati al gioco delle carte ed al biliardo oltre ad una seconda suggestiva terrazza che si affaccia sul green della buca 18.

Anche la piscina è un’opera di stile “razionalista” di grande pregio architettonico, con il trampolino e la piattaforma per i tuffi che porta la firma del grande ingegnere Pier Luigi Nervi. Ubicata nel bel mezzo del bosco, non lontana dalla club-house, risplende come un turchese incastonato nel verde del manto erboso e degli alberi ed il bianco della leggera struttura degli spogliatoi e della loggia ad archi che la circondano.

Il Circolo Golf Ugolino è annoverato dallo scrittore americano Chris Santella tra i cinquanta campi naturali più belli al mondo dove giocare prima di morire, e rappresenta la più importante ricchezza ambientale e storica del territorio Toscano.