Reading Time: 2 minutes

La mostra al V&A di Londra

Il V&A apre la prima mostra britannica di esplorazione dell’opera di Cristóbal Balenciaga, e sulla sua continua influenza sulla moda contemporanea. “Balenciaga: Shaping Fashion” si concentra sulla seconda parte della lunga carriera di Balenciaga negli anni Cinquanta e Sessanta, il suo periodo più creativo.

La mostra segna il centenario dell’apertura della prima casa di moda di Balenciaga a San Sebastian e l’ottantesimo anniversario dell’apertura della sua famosa casa di moda a Parigi.
È stato durante questi anni che non solo ha vestito alcune delle donne più rinomate del tempo, ma ha anche introdotto forme rivoluzionarie tra cui la tunica, il sacco, la bambolina e l’abito da sposa, tuttoggi di moda. I punti salienti includono gli insiemi di Balenciaga per l’attrice hollywoodiana Ava Gardner, abiti e cappelli appartenenti alla donna di società e gran modaiola degli anni ‘60 Gloria Guinness, e pezzi indossati da una delle donne più ricche del mondo, Mona von Bismarck, che commissionava di tutto dal sarto, da abiti da sera ai pantaloncini da giardinaggio.

Sono esposti oltre 100 capi e 20 cappelli, molti dei quali inediti. Qui li vediamo accompagnati da schizzi d’archivio, modelli, fotografie, campioni di tessuti e filmati di passerelle che rivelano la creatività senza compromessi di Balenciaga. Inoltre i raggi X, i modelli animati e i cortometraggi sui processi di lavorazione rivelano i dettagli nascosti che hanno reso il suo lavoro così eccezionale. La mostra si basa sulle vaste collezioni di moda della V&A, la più grande collezione di Balenciaga nel Regno Unito. La collezione è stata avviata per il museo da Cecil Beaton negli anni ‘70.

La mostra “Balenciaga: Shaping Fashion” è organizzata in tre sezioni principali: “Front of House”, compresi i saloni di Balenciaga, dietro le quinte negli studi di Balenciaga e l’impatto duraturo dell’ereditàdi Balenciaga. Il marchio Balenciaga fa tuttoggi riferimento al suo fondatore, ma la sua influenza si estende ben oltre. La sezione “Legacy” sarà caratterizzata dal lavoro di oltre 30 disegnatori degli ultimi 50 anni, ritracciando l’influenza di questa figura che continua a ispirare rispetto nel mondo della moda.